Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Il Blog di Petardo Cinema, cucina, turismo, fai da te...

Festival Massimo Amfiteatrof, Levanto - Concerto di pianoforte con Davide Cabassi

petardo
Festival Massimo Amfiteatrof, Levanto - Concerto di pianoforte con Davide Cabassi
Festival Massimo Amfiteatrof, Levanto - Concerto di pianoforte con Davide Cabassi

Il programma era interessante: Schonberg (criptico, vabbe'), ma poi Liszt, Bach e Chopin. I nomi dei brani non mi ricordavano nulla di particolarmente noto, e in effetti poi ho scoperto che erano tutti sconosciuti, almeno per un ascoltatore di musica classica "dilettante" come me. L'inizio era promettente: Cabassi, eccellente pianista con un curriculum di tutto rispetto (nonche' enfant prodige) spiegava il perche' della scaletta. Erano tutti brani in si minore, dove due particolari note si incontravano spesso. Giustificazione un po' tecnicistica (almeno per me ) ma interessante. Il concerto inizia...

Serata a Sarzana, con cena all'Antica Osteria degli Archi e piccolo concerto jazz (Andrea Papini quartet) per la rassegna "Suona Garibldi"

petardo
Serata a Sarzana, con cena all'Antica Osteria degli Archi e piccolo concerto jazz (Andrea Papini quartet) per la rassegna "Suona Garibldi"
Serata a Sarzana, con cena all'Antica Osteria degli Archi e piccolo concerto jazz (Andrea Papini quartet) per la rassegna "Suona Garibldi"

Passeggiare per le vie di Sarzana e' sempre molto piacevole. La zona storico-monumentale e' estremamente vivace anche se non ci sono particolari manifestazioni quali ad esempio quella sull'antiquariato, con decine di bancarelle traboccanti di "reperti" piu' o meno di valore. D'altra parte le manifestazioni qui sono sempre molto frequenti. In questo periodo, al castello (e a pagamento) c'era la mostra vegana (nella quale si poteva anche mangiare), mentre la sera dopo cena era in programma un concerto jazz con Andrea Papini quartet, per la razzegna "Suona Garibldi". Nelle 3 foto qui sopra, l'interesante...

Giornata e mare eccezionale per un posto eccezionale: Riomaggiore (5 terre, La Spezia)

petardo
Giornata e mare eccezionale per un posto eccezionale: Riomaggiore (5 terre, La Spezia)
Giornata e mare eccezionale per un posto eccezionale: Riomaggiore (5 terre, La Spezia)

Giornata e mare eccezionle per un posto eccezionale: Riomggiore (5 terre, La Spezia). Era un po' che non venivamo in questo stupendo posto. La via principale (appena dopo il tunnel che costeggia i binari e che va dalla stazione al pase vecchio) e' molto turistica, forse troppo. Abbiamo visto addirittura un posto dove erano esposte (orrore!) le riproduzioni tridimensionali dei piatti e degli snack che facevano, un po' come in Giappone... ma appena svoltati su una qualsiasi stradina a sinistra (con le spalle rivolte verso il mare), il discorso cambia, e ci si puo' perdere nei caruggi, sbucare su...

Caste' (Ricco' del Golfo di Spezia) - "Serata con Pablo", Marco Balma e Matteo Patelli (chitarra) e piccola cena alla "Locanda del Podesta'"

petardo
Caste' (Ricco' del Golfo di Spezia) - "Serata con Pablo",  Marco Balma e Matteo Patelli (chitarra) e piccola cena alla "Locanda del Podesta'"
Caste' (Ricco' del Golfo di Spezia) - "Serata con Pablo", Marco Balma e Matteo Patelli (chitarra) e piccola cena alla "Locanda del Podesta'"

Rovistando tra le pieghe di Internet, ho scoperto questo originale appuntamento di prosa e musica, il 28 luglio, in un luogo nei pressi del posto dove trascorro le vacanze, Levanto. A questo proposito mi e' stato utile il sito http://www.langololigure.it/eventi_sagre_e_concerti_in_Liguria_lista.asp?dove=Golfo dei Poeti . Si trattava di una "prima", come recitava l'info, di uno spettacolo dedicato alla vita e alle poesie di Pablo Neruda. L'interprete era Marco Balma, accompagnato da Matteo Patelli alla chitarra elettrica. Il luogo dove si svolgeva l'evento era Caste' di Ricco' del Golfo, posto molto...

Come riprare una lavastoviglie che carica e scarica l'acqua normalmente ma non fa girare gli irroratori (o almeno provarci)

petardo
Come riprare una lavastoviglie che carica e scarica l'acqua normalmente ma non fa girare gli irroratori (o almeno provarci)
Come riprare una lavastoviglie che carica e scarica l'acqua normalmente ma non fa girare gli irroratori (o almeno provarci)

In una casa di vacanza, una lavastoviglie tipo Ariston LI 460 ha manifestato il seguente difetto: una volta accesa, scaricava regolarmente il residuo di acqua, caricava l'acqua nuova ma, quando doveva iniziare a far girare gli irrigatori e scaldare l'acqua, con il conseguente rumore caratteristico, il piccolo rumore che si sentiva era solo di un sordo ronzio, seguito dopo pochi minuti da un effetto "acqua che bolle". Probabilmente il problema era della relativa pompa bloccata. Poiche' la lavastoviglie avra' si e no 6 anni, e il numero di lavaggi effettuati e' piuttosto limitato, essendo posta,...

Mai senza mia figlia - (Brian Gilbert, 1991) - Recensione

petardo
Mai senza mia figlia - (Brian Gilbert, 1991) - Recensione
Mai senza mia figlia - (Brian Gilbert, 1991) - Recensione

Betty e Moody sono una coppia affiatata. Vivono negli USA con la loro bambina. Lui e' iraniano, medico, residente da 20 anni negli Stati Uniti, ma non ha mai rotto i rapporti ne' con la sua famiglia di origine ne' con la sua religione, quella musulmana. Sul lavoro e' alquanto vessato dai colleghi a causa delle sue origini, e, forse anche per questo, verra' licenziato, ma non lo rivelera' alla moglie subito. La convincera' ad una vacanza di 2 settimane in Iran per andare a trovare i suoi parenti, che non vede da moltissimo tempo. Betty e' perplessa, e non nasconde timori sia per lei che per la piccola...

Il giardino dei Finzi Contini - (Vittorio De Sica, 1970) - Recensione

petardo
Il giardino dei Finzi Contini - (Vittorio De Sica, 1970) - Recensione
Il giardino dei Finzi Contini - (Vittorio De Sica, 1970) - Recensione

Recensisco questo film di Vittorio De Sica, del 1970, soprattutto perche' mia moglie, appassionata dei film "classici", tra poco me lo fa vedere un'altra volta. Approfittando della mia scarsa memoria, dira' che sono decenni che non lo vediamo... Non e' che sia un brutto film, anzi, ma, d'accordo con il Morandini (e scusate se e' poco), mi sembra un po' melenso, soprattutto nella prima parte. Poi, e' chiaro che gli anni passano, e un certo modo di recitare dell'epoca, forse, e' "passato di moda", e oggi suona un po' fasullo. Nel film si narrano le vicissitudini, fino al dramma finale, di una ricca...

Snack al formaggio senza glutine SO' (alla Lidl, di Snack Italy)

petardo
Snack al formaggio senza glutine SO' (alla Lidl, di Snack Italy)
Snack al formaggio senza glutine SO' (alla Lidl, di Snack Italy)

Non so perche' alla Lidl hanno l'abitudine di promuovere prodotti che, dopo la campagna, non si troveranno mai piu' (o quasi) almeno alla Lidl. Probabilmente questa fine la faranno anche questi ottimi snack al formaggio (marca SO', prodotti da Snack Italy di Maserada, in provincia di Treviso), adatti anche ai celiaci, mi pare, in quanto a base di mais poi non sono fritti e dichiarano un contenuto di grassi dimezzato rispetto a prodotti simili. Tutto quello che ci vuole per attirare me e mia moglie, al ritorno del lavoro, che cosi', in macchina, possiamo apirli immediatamente per un pre-pre antipasto....

Confesso che ho suonato - Gaetano Liguori

petardo
Confesso che ho suonato - Gaetano Liguori
Confesso che ho suonato - Gaetano Liguori

Confesso che ho suonato e' l’autobiografia di Gaetano Liguori, pianista “politico”, grande del jazz italiano e non solo. Il titolo e` una citazione, adattata alla situazione, dal libro di Pablo Neruda. Gaetano Liguori, di famiglia napoletana trasferita a Milano, e` figlio di un percussionista di successo e nipote di musicisti. La sua scoperta giovanile del pianoforte si mescola indissolubilmente alla passione politica negli anni del ’68, e questo lo porta a essere un po’ “Il pianista del movimento”. Tra studi regolari in Conservatorio ed esperienze varie in un periodo in cui in Italia il jazz era...

Ti ricordi di me? - (Rolando Ravello, 2014) - Recensione

petardo
Ti ricordi di me? - (Rolando Ravello, 2014) - Recensione
Ti ricordi di me? - (Rolando Ravello, 2014) - Recensione

Lei e' narcolettica, lui cleptomane. Una coppia che sicuramente ha bisogno di cure, e infatti si incontrano da una psicologa, anzi, dove lui, Roberto (Edoardo Leo) incontra lei, Bea (Ambra Angiolini). Infatti, all'inizio, a Bea non interessa affatto il goffo Roberto, anche perche' e' fidanzata con un uomo che sembra farle anche da padre. Ma le affinita' tra i due sono tante. La situazione si gira a favore di Roberto quando Bea scopre che il fidanzato la tradisce. Ma le difficlta' per Leo non finiscono qui. Commesso di supermercato con l'hobby di scrivere favole per bambini un po' "crude" ma sicuramente...

1 2 3 4 > >>