Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Il Blog di Petardo Cinema, cucina, turismo, fai da te...

The artist (Michel Hazanavicius - Francia 2011)

petardo

 

Con questo inusuale film del 2011 il regista Michel Hazanavicius e` stato insignito di moltissimi riconoscimenti tra cui 5 Oscar, Premi a Cannes, Golden Globe ecc.

L’ho definito inusuale perche` questo film, oltre a essere muto e in bianco e nero, racconta proprio una storia d’epoca, il viale del tramonto, questa volta al maschile,  di un “principe di Hollywood” che si mette quasi volontariamente in disparte per incapacita` di accettare i film “sonori” .

I favolosi anni ’30 sono ricostruiti splendidamente: George Valentin (interpretato da Jean Dujardin) e` un attore famosissimo che casualmente all’uscita della prima di un suo film riceve i fin troppo calorosi complimenti di un’ammiratrice che, anche a causa di un contrattempo, riesce in questo modo a guadagnarsi la prima pagina dei giornali.
In seguito i due si riincontrano, perche` lei sta tentando di sfondare nel mondo del cinema, e nasce tra loro un’attrazione che pero` resta indefinita.

La ragazza, Peppy Miller (Berenice Bejo), con il cinema sonoro diventa una vera star. Invece George rifiuta i film che gli vengono offerti, produce e dirige un altro film muto nel ”suo” stile che si rivela un fiasco e nel giro di poco tempo la sua vita si rovina: la ricca moglie lo lascia, nessun regista lo vuole piu`, resta senza soldi ed e` addirittura costretto a licenziare il suo inseparabile domestico-autista e a vendere i suoi cimeli piu` rari.

Di guaio in guaio, si mette anche a bere. In seguito a un incendio da lui incautamente provocato (voleva distruggere le sue pellicole, che come ci ha insegnato “Nuovo Cinema Paradiso” erano altamente infiammabili), finisce in ospedale e riincontra casualmente Peppy.

Lei lo porta nella sua faraonica villa e li` si scopre che tutti i pezzi messi all’asta da George erano stati acquistati di nascosto da Peppy, che non ha mai smesso di amarlo..

Finale sorprendentemente e un po’ inverosimilmente ottimistico.

E` un film carino che ricostruisce davvero bene caratteri ed ambiente dell’epoca: la mancanza di sonoro e il bianco e nero non pesano affatto. Certo, si tratta di una specie di favoletta, pero` e` girata molto bene e ik protagonista (Oscar per lamigliore interpretazione) e` davvero bravissimo.

Brava anche Berenice Bejo, forse meno premiata.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenti