Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Il Blog di Petardo Cinema, cucina, turismo, fai da te...

Il treno per il Darjeeling - (Wes Anderson, 2007) - Recensione

petardo

 

Il film inizia con una scena nella quale fa la sua comparsa  Bill Murray, che tenta invano di prendere un treno dopo aver percorso in un vecchio taxi e ad una velocita' da paura una affollata cittadina indiana.

Il treno per il Darjeeling si svolge in una coloratissima e vivace India. Bill Murray, e come lui altri attori e attrici piuttosto famosi presenti per brevissimi periodi di tempo nel film, regala questo "cameo" dal significato oscuro.

Lo stesso treno verra' invece acciuffato in corsa, con un bel rallenty accompagnato da un adeguato brano musicale, da uno dei tre fratelli Whitman protagonisti della pellicola.

Si tratta di Peter, allampanato e stortignaccolo, che ha lascato a casa moglie e figlio in arrivo.

Su quel treno incontrera' Jack Whitman, scrittore non si capisce bene se affermato o meno, che ha appena lasciato la fidanzata. Per lei probabilmente nutre ancora una certa nostalgia, dato che ascolta periodicamente i contenuti della sua segreteria telefonica della quale conosce il codice per l'attivazione. Sul treno avra' una fugace storiella sexy con la conturbante inserviente indiana.

Infine abbiamo Francis, reduce da un grave incidente in moto e per questo bendato come un uovo di pasqua. A causa di questo incidente "quasi mortale", dichiara di vedere la vita in modo differente e quindi ha voluto organizzare per se stesso e per i suoi due fratelli, questo viaggio in India, semi o pseudo spirituale, con tappe e visite nei luoghi topici rigidamente determinati. Ma charamente non sara' nemmeno per un attimo una cosa "seria".

Ai tre fratelli, che non si parlavano da un anno, era appena morto il padre e la madre era andata a ritirarsi in un convento ai piedi del'Himalaya. Nonostante non volesse, peter, Jack e Francis finiranno per andarla a trovare.

 

Coloratissimo, eccentrico e "strano" film di Wes Anderson, regista e soggettista californiano che dell'eccentricita' e della originalita' dei suoi film ha fatto quasi un marchio di fabbrica. Suo e' anche quel recente e acclamato "Grand Hotel Butapest" che pero' personalmente ho apprezzato di meno (vedi http://petardo.over-blog.it/2015/02/grand-budapest-hotel-wes-anderson-2014-recensione.html ).

 

Curioso e divertente, Il treno per il Darjeeling e' un "railway movie" che si fa apprezzare anche per le musiche rock anni '70 che fanno capolino, inaspettatamente, in un tappeto sonoro altrimenti orientale.

Il treno per il Darjeeling - (Wes Anderson, 2007) - Recensione
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenti