Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Il Blog di Petardo
  • Il Blog di Petardo
  • : Cinema, fai da te, cucina e altro
  • Contatti

Testo Libero

5 gennaio 2016 2 05 /01 /gennaio /2016 04:20

 

Concerto piuttosto vernacolare (in particolare per il coro), oggi 4 Gennaio 2016, a Macugnaga, presso la chiesa parrocchiale alla frazione Staffa. Il coro alpino Monte Rosa e la Fanfara Alpina Ossolana, per la prima volta assieme, hanno esibito parte del loro repertorio di "traditionals".

La fanfara e' partita dalla chiesa per andare nella vicina piazza a suonare un brano, e poi ritorno (e noi dietro la fanfara).

La chiesa era gremita. Evidentemente questi tipi di manifestazioni attraggono il grande pubblico, mentre agli altri eventi il pubblico sara' si e no 1/4 (e, in parte, per fortuna, dato che altrimenti non ci starebbero nella adiacente Kongresshaus). Potere dei cori e delle bande?

Stranamente, ma piacevolmente, nella fanfara degli alpini c'erano anche ragazze (le alpine?).

Un peccato il fatto che in 2 ore e passa di manifestazione, quasi la meta' erano di interventi parlati, dei quali moltissimi erano ringraziamenti.

La fanfara nella piazza di Macugnaga

La fanfara nella piazza di Macugnaga

Folla nlla chiesa parrocchiale di Macugnaga (Staffa) per il concerto

Folla nlla chiesa parrocchiale di Macugnaga (Staffa) per il concerto

Concerto del Buon Anno 2016, Macugnaga. Con il coro alpino Monte Rosa e la Fanfara Ossolana
Concerto del Buon Anno 2016, Macugnaga. Con il coro alpino Monte Rosa e la Fanfara Ossolana
Concerto del Buon Anno 2016, Macugnaga. Con il coro alpino Monte Rosa e la Fanfara Ossolana

Del coro Monte Rosa, mi ha interessato un curioso un canto in lingua Walser, dal titolo "Oh Hipski du Wilt Du Chuo?", dove un baldo giovine, per far colpo su una ragzza, le chiede se va con lui a "martellare la ranza". Per chi non lo sapesse, la ranza e' la falce. Incredibile e' anche il fatto che lei rispondera' di si a questa ed ad altre proposte balenghe (tranne all'ultima...).

Qui sotto il filmato del brano (scusate per la qualita' scarsa). Non preoccupatevi se non afferrate il significato delle parole: la lingua Walser e' totalmente incomprensibile ai piu'...

Tra i vari brani eseguiti dalla Fanfara Alpina Ossolana, ne ho apprezzato particolarmente uno che non conoscevo. A parte il rullante, decisamente militaresco, l'aria, tra Bach e gli Aphrodite's Child, non era male. Titolo: Highlnd Cathedral. nel video qui sotto riportato si puo' ascoltare qui la versione "tedesco-scozzese" per zampogne.

Condividi post

Repost 0
Published by petardo - in Spettacoli Eventi
scrivi un commento
9 luglio 2015 4 09 /07 /luglio /2015 04:52

 

Abbiamo approfittato di questo intrigante spettacolino, trovato tra le pieghe di Internet, dove non si capisce bene quale e' il nome degli artisti (probabilmente il gruppo denominato "Le Canzoni da Marciapiede") ne' il nome della performance (e/o CD), probabilmente "Un circo di paese". L'occasione era ghiotta anche per visitare Fezzano (e una sua trattoria), un paesino dove non ci eravamo mai soffermati nemmeno per un minuto (vedi http://petardo.over-blog.it/2015/07/trattoria-la-saletta-fezzano-sp.html ).

 

Alle 21.30 circa, il lunare spettacolino semi-circense inizia, davanti ad un pubblico un po' distratto, probabilmente anche per l'assenza di una nutrita serie di comode sedie davanti al tappetino-stella-palcoscenico.

Un peccato, perche' la bella e brava cantattrice Valentina Pira avrebbe meritato un'atmosfera un po' meno svagata, nella intrigante pinetina davanti al porticciolo turistico di Fezzano. 

 

Valentina e il valido pianista Andrea hanno sciorinato parecchie canzoni sia del repertorio classico francese e tedesco delle canzoni un po' "maledette" che di brani propri, con testi non banali caratterizzati da curiosi e inediti paralleli tra la vita odierna  e quella, un po' d'antan, del circo.

 

Qua e la', le piccole, simpaticissime esibizioni della piccola ballerina/violinista/cantante Alice, che sfruttava i periodi di sosta per giocare (giustmente) con le amiche. Lei interveniva, con svizzera puntualita' e senza atteggiamenti leziosi, ad aiutare, con piccole gradevoli canzoni/balli/sketch, la (mamma?) e il (papa'?).

 

Molto simpatico.

"Le Canzoni da Marciapiede" a Fezzano (SP) hanno presentato "Un circo da paese", con Valentina Pira, Andrea Belmonte e la piccola, adorabile  (se non sbaglio il nome) Alice Belmonte
"Le Canzoni da Marciapiede" a Fezzano (SP) hanno presentato "Un circo da paese", con Valentina Pira, Andrea Belmonte e la piccola, adorabile  (se non sbaglio il nome) Alice Belmonte

Condividi post

Repost 0
Published by petardo - in Spettacoli Eventi
scrivi un commento
20 agosto 2014 3 20 /08 /agosto /2014 04:39

 

E chi l'ha detto che in vacanza le proposte culturali sono sempre leggerine?


Quello che e' stato presentato ieri sera alla Kongresshaus di Macugnaga non puo' essere certamente definito tale!


Giovanni Testori, controverso scrittore e drammaturgo, cattolico anomalo che aderi' al fascismo e, molto dopo, a Comunione e Liberazione, non e' mai stato "leggerino" in vita sua, almeno cosi' pare se si considerano le sue opere! 


Ricordo di essere andato, molti anni fa, a vedere "In Exitu", monologo di un "prostituto" tossicodipendente omosessuale certamente non facile ne' leggero, come si puo' capire dall'argomento. Oltre allo stesso Testori (deceduto nel 1993) “In Exitu” era recitato da Franco Branciaroli.

Curiosamente, anche l'ottimo attore Silvano Melia che ha, con una certa fatica anche fisica, proposto alcuni scritti di Testori, inizio' a conoscerlo da quello spettacolo (se spettacolo si puo' definire "In Exitu"...).


Tra i brani, talvolta piuttosto emozionanti, uno era stato (probabilmente) scritto a Macugnaga, dato che alcuni luoghi del paese e del paesaggio erano citati. Testori, infatti, li', nel paese ai piedi del monte Rosa trascorse le estati tra il 1979 e il 1989.


"Colpevolmente", io e mia moglie arrivammo un po' tardi all'appuntamento letterario: prima ne avevamo uno gastronomico al vicino, ottimo ristorante z'Makana, dove, dopo lo stuzzichino (una sorta di intrigante insalata russa con variante "walser"), abbiamo apprezzato un (vado a memoria con i nomi) "petto di pollo affumicato con zucchine e granita di pomodoro", "fichi al forno con formaggio di capra avvolti in pancetta", "Farro alla crema di rapa con filetto di trota leggermente affumicata", "il "mio" ossobuco con gremolata di verdure" (si trattava di un pregevole filetto con finto osso, realizzato con una patata) e, per finire, una morbidissima mousse in salsa ai mirtilli. Ripropongo, a futura memoria, le foto di alcune di queste delizie assieme  a quella dello spettacolo.


Come dire, prima il nutrimento del corpo e poi quello dello spirito... :o)

Serata letteraria alla Kongresshaus di Macugnaga: Silvano Melia legge Giovanni Testori
Serata letteraria alla Kongresshaus di Macugnaga: Silvano Melia legge Giovanni TestoriSerata letteraria alla Kongresshaus di Macugnaga: Silvano Melia legge Giovanni Testori
Serata letteraria alla Kongresshaus di Macugnaga: Silvano Melia legge Giovanni TestoriSerata letteraria alla Kongresshaus di Macugnaga: Silvano Melia legge Giovanni Testori

Condividi post

Repost 0
Published by petardo - in Spettacoli
scrivi un commento
17 agosto 2014 7 17 /08 /agosto /2014 04:37

 

Con l'improbabile titolo "Montagne dal vivo", il 14 agosto il Comune di Macugnaga ha organizzato una serata di cabaret.

 

L'interprete principale era Paride Mensa, un personaggio che, lo ammetto, non avevo mai sentito.

 

Andando a leggere qualcosa di lui dopo lo spettacolo, ho saputo che e' un attore che ha iniziato la carriera nel lontano 1972, lavorando con Lino Banfi, Walter Chiari e molti altri.

 

In effetti, durante il divertentissimo intervento, le qualita' attoriali, sia di impostazione che la sua capacita' di riprodurre i dialetti e i "tic" delle varie regioni d'Italia erano assolutamente fuori dal comune.

 

Insomma, uno spettacolo inaspettatamente godibile, di ottima qualita', con battute che ottenevano sempre (e fragorosamente) cio' per le quali erano state pensate: la risata.

 

Non era certamente di impostazione politica o partitica, ma un "easy listening" di qualita', cosi' come il titolo dello pettacolo che Paride Mensa porta in giro (e dal quale penso siano stati estratti i brani presentati) che e' "Un cabarettista di ordinaria amministrazione".

 

Un po' slegati dalla sua "performance", una attrice e un pianista (dei quali purtroppo non ricordo il nome, dato che non erano citati neanche sul manifesto) sono intervenuti prima e dopo l'esibizione del cabarettista/attore Mensa. Bravi, ma meno intriganti del Paride...

Sorprendente spettacolo di Cabaret a Macugnaga con Paride Mensa

Condividi post

Repost 0
Published by petardo - in Spettacoli
scrivi un commento

Pagine