Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Presentazione

  • : Il Blog di Petardo
  • Il Blog di Petardo
  • : Cinema, fai da te, cucina e altro
  • Contatti

Testo Libero

21 aprile 2017 5 21 /04 /aprile /2017 02:29

 

Presente in occasone della settimana dei prodotti greci della Lidl, questo piatto pronto surgelato e' l'assemblaggio di gyros (una specie di kebap a base di carne di maiale caratteristico della Grecia) con riso e verdure.

La preparazione avviene in padella, con un paio di cucchiai di olio evo. Bastano una dozzina di minuti partendo dal prodotto surgelato a fuoco medio, un po' piu' consistente all'inizio.

Contrariamente alla Pita Greek Style, (vedi http://petardo.over-blog.it/2017/04/pita-greek-style-di-eridanous-da-lidl.html ), che e' stato l'antipasto di una cena in stile greco, questo Gyros Rice Dish non ci ha soddisfatto granche'. La carne era piuttosto grassa e il sapore del tutto poco interessante.

I 750 grami di prodotto (sufficiente per 4 persone) e' venduto a 2.79 euro.

 

Voto: 5/6

 

Nota: questo prodotto, come la maggior parte dei prodotti a marchio Eridanous, sono specialita' della tanta vituperata Grecia (soprattutto da parte della Germania) che pero' sono realizzati... nella ricca Germania!?!

Gyros Rice Dish di Eridanous (da Lidl)
Gyros Rice Dish di Eridanous (da Lidl)
Gyros Rice Dish di Eridanous (da Lidl)

Condividi post

Repost 0
18 febbraio 2017 6 18 /02 /febbraio /2017 04:36

 

Forse non e' il modo piu' raffinato di utilizzare del prosciutto cotto di alta qualita' quale il Beretta "Fresca Salumeria", ma, a causa della ravvicinata scadenza (era in frigo da un po'), e' capitato cosi'...

Anche per i simpatici e originali fusilli al torchio, buoni ma con una certa tendenza a frantumarsi, si possono pensare ricette piu' dedicate, ma tant'e'...

 

Ingredienti per 2 persone

130 g di fusilli al torchio
2 carote
2 cubetti di spinaci surgelati
100 g di toma piemontese
20 g di farina
20 g di burro
200 g di latte
10 g di parmigiano grattugiato
Olio evo
Sale
Dado vegetale granulare
Noce moscata

 

Fate passare in padella gli spinaci con un cucchiaio di olio, due di acqua, un pizzico di sale e uno di dado granulare.

Con la farina, il burro, il latte, un pizzico di noce moscata, il parmigiano e un pizzico di sale fate la besciamella.

Lessate i fusilli assieme alle carote pulite e tagliate a tocchetti lunghi circa 3 cm.

In una pirofila leggermente unta di olio mettete la pasta con le carote, gli spinaci e il prosciutto spezzettato.

Amalgamate la besciamella e distribuite sulla superficie la toma piemontese a tocchetti e 2 cucchiaiate di grana.

Gratinate e servite.
 

Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese
Pasticcio gratinato con fusilli al torchio "Italiamo", spinaci, prosciutto cotto Fresca Salumeria (Beretta), besciamella e toma piemontese

Condividi post

Repost 0
12 febbraio 2017 7 12 /02 /febbraio /2017 04:22

 

Anche questo originale piatto mi e' stato ispirato da una ricetta presente questo mese sulla rivista di Esselunga "Da noi".

Oltre che per la scelta degli ingredienti, l'originalita' sta anche nella differenza di temperatura del budino (ambiente) rispetto a quella della crema (calda).

 

Ingredienti per 2 persone

Per il budino

75 g di pecorino toscano
50 g di panna da cucina
5 g di gelatina in fogli
50 g di latte
Sale

Per la crema di patate

200 g di patate lessate
200 g di latte
15 g di burro
Sale
Pepe

4 fette di pane tostato

 

Almeno 3 ore prima della effettiva preparazione del piatto occorre fare i budini salati.

Mettete la gelatina in ammollo in acqua per 10 minuti.

In un pentolino mettete 50 g di latte, 50 di panna, la gelatina, il pecorino e un pizzico di sale.

A fiamma bassa, amalgamate il tutto, quindi con un piccolo montalatte rendete spumosa la preparazione e versatela in 2 stampi.

Mettete in frigorifero per almeno 3 ore.

Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato
Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato
Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato

Con un minipimer frullate patate, latte, burro e un pizzico di sale.

Quindi, a fuoco moderato, fate amalgamare e addensare leggermente in modo da ottenere una crema calda.

Cuocete 2 uova in camicia.

In piatti individuali riscaldati, mettete il budino al pecorino toscano con attorno la crema di patate.

Sulla crema mettete l'uovo e, accanto, 2 fette di pane tostato. 

Salate e pepate leggermente l'uovo e servite.

Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato
Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato
Budino salato al pecorino toscano Italiamo (Lidl) con crema di patate e uovo affogato

Condividi post

Repost 0
18 dicembre 2016 7 18 /12 /dicembre /2016 04:43

 

Ingredienti per 2 persone

2 quaglie pulite
1 gambo di sedano pulito e tagliato a tocchi
1 cipolla dorata pulita e tagliata in 4 parti
1/2 carota pulita
Timo
4 bacche di ginepro
4 chiodi di garofano
Un pizzico di sale grosso

120 g di riso Carnaroli
2 cucchiai di olio evo
1 piccola cipolla rossa pulita e tritata

2 fette di prosciutto crudo
Sale
Pepe
20 g di vino rosso
20 g di acqua
1 cucchiaino di farina
Dado granulare

20 g di burro
2 cucchiai di parmigiano grattugiato

 

Spellate le quaglie. Tagliate le ali e il collo. Tagliate delicatamente i 2 piccoli petti e le coscette compreso il sottocoscia.

 

Per il brodo di quaglie tagliate le piccole carcasse rimanenti in 4 parti che farete rosolare in una piccola pentola antiaderente. 

Aggiungete sedano, carota e cipolla e continuate a rosolare per 5 minuti.

Aggiungete 600 g di acqua, il timo, il ginepro, i chiodi di garofano e il sale.

Portate ad ebollizione e lasciate sobbollire per 30 minuti. Alla fine regolate di sale.

 

Per il risotto mettete in una padella antiaderente con 2 cucchiai di olio evo la cipolla rossa. Salate leggermente e fatela appassire.

Aggiungete il riso che rosolerete qualche minuto.

Sfumate con 20 g di vino rosso.

Portate a cottura aggiungendo poco alla volta il brodo di quaglie.

 

Bardate le coscette e i petti di quaglia con il prosciutto crudo.

Fateli rosolare in una padella antiaderente.

Bagnateli con il vino, l'acqua, la farina (stemperata nell'acqua) e un pizzico di dado granulare.

Portate a cottura. L'intingolo dovra' risultare giustamente ristretto.

 

Mantecate il riso cotto al dente con burro e parmigiano.

 

In piatti individuali riscaldati accomodate il risotto con, sopra, 2 petti e 2 coscette. 
 

Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)
Risotto con qualglie bardate in prosciutto crudo (Beretta Fresca Salumeria)

Condividi post

Repost 0
27 novembre 2016 7 27 /11 /novembre /2016 05:02

 

Ho scoperto recentemente l'esistenza di questa preparazione tipica siciliana, soprattutto del siracusano, che (con mille varianti) consta essenzialmente in 2 pizze (o in una pizza tagliata a meta') farcita con vari ingredienti.

Il tipo di ingredienti della farcia e lo spessore delle pizze, dalle mie ricerche, possono essere svariati.

Quella che descrivo (e che ho provato a fare) prevede la variante della singola pizza tagliata a meta' con all'interno salame, mozzarella, scamorza e funghi champignon.

Poiche', in genere, il salame toscano chiamato "finocchiona" e' aromatico grazie ai semi di finocchio ma ha un sapore generalmente piu' delicato degli altri tipi di salame, ho provato ad usare questo, anche se certamente non e' di origine siciliana...

 

Ingredienti per 3 persone

250 g di farina Manitoba
Un cubetto di lievito (20 - 25 g)
Un pizzico di zucchero
2 pizziconi di sale


5 fette sottili di salame al finocchio
Galbanino
Mozzarella per pizza
Una manciata di champignon
Grana padano
Olio evo

 

Impastate la farina, il lievito sbriciolato, lo zucchero e il sale con acqua (poca alla volta) in una impastatrice o in un mixer da cucina fino ad ottenere una "palla" di pasta elastica ed omogenea.

Depositatela su un foglio di carta forno infarinato e lasciate riposare a circa 25-30 gradi per 1 ora (ad esempio in un forno con la luce accesa).

Quindi stendete la pasta con un mattarello fino ad uno spessore di circa 1 cm e lasciate lievitare ancora per 30 minuti.

Nel forno a 200 gradi cuocete la "pizza" per 30 minuti.

Estraetela, e lasciatela raffreddare leggermente. Quindi tagliatela in 2 dischi.

Farcitela con (nell'ordine) le fettine di mozzarella, gli champignon saltati in padella con un pizzico di olio e un pizzico di sale, le fettine di salame e infine la scamorza.

Richiudete con l'altra parte della pizza, spennellando la superficie con olio e spolverizzando con grana grattugiato.

Infine, infornate a 220 gradi per 10 minuti e servite.

 

Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon
Pizzolo - Versione con salame al finocchio (finocchiona) "Deluxe", mozzarella per pizza, Galbanino e funghi champignon

Condividi post

Repost 0
18 novembre 2016 5 18 /11 /novembre /2016 21:06

 

Ricordo che da giovane, durante un corso estivo di musica elettronica che si teneva a Pamparato, nel cuneese, le osterie locali facevano un piatto tipico che mi piaceva un sacco: la polenta saracena.

La servivano condendola con formaggio filante, o con funghi o ancora con i porri, varianti che mi riprometto di ripetere nelle prossime settimane, dato che la trovavo buonissima e da allora non l'ho piu' gustata.

Questa particolarissima polenta e' caratterizzata dalla presenza della patata, della farina di grano saraceno e della farina normale, 00. Quest'ultima aggiunta pare piu' recente, mentre la ricetta originale risale ai tempi della dominazione saracena della zona a sud del Piemonte, attorno all'anno mille.

Le proporzioni classiche sono 1 kg di patata, 100 g di farina di grano saraceno e 100 g di farina 00. Questa dose e' per circa 6 persone.
Prima si lessano le patate sbucciate, quindi si schiacciano e si aggiungono le farine.
La procedura e' piuttosto lunga (circa 1 ora e 30), per questo, in questa ricetta, ho cercato di abbreviarla (quando si arriva a casa alle 19 passate non si possono fare certe cotture...). Anche le proporzioni delle dosi non sono quelle classiche, dato che ho aumentato di circa un fattore 2 le farine.

 

In questo caso intendevo farne un accompagnamento un po' originale per un interessante surgelato a base di crostacei e molluschi: il cosiddetto "Saute' di mare" di Deluxe (marchio Lidl, vedi http://petardo.over-blog.it/2014/11/saute-di-mare-di-deluxe-lidl.html ).

 

Ingredienti per 2 persone

150 g di patate
25 g di farina di grano saraceno
25 g di farina di grano 00
Sale
Burro
2 cucchiai colmi di parmigiano

 

Sbucciate le patate e tagliatele a tocchetti. Mettetele in un recipiente adatto al microonde, copritele con la pellicola trasparente e cuocetele al microonde per 4 minuti.

Mettete le 2 farine in una padella con una noce di burro e, mescolando per evitare i grumi, aggiungete 200 g di acqua e un pizzico di sale grosso.

Mettete sul fuoco e cuocete per circa 10 minuti.

Quindi aggiungete le patate lessate e frullate con il minipimer.

Continuate la cottura per circa 20 minuti, quindi mantecatela con il parmigiano e una noce di burro.

Con l'aiuto di un coppapasta formate dei tortini di polenta saracena nei piatti individuali e condite con il saute' di mare.

Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa
Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa
Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa
Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa
Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa
Come fare la polenta saracena (rivisitata) in 30 minuti circa

Condividi post

Repost 0
6 novembre 2016 7 06 /11 /novembre /2016 03:38

 

Il numero di novembre della rivista di esselunga "Da Noi" ha parecchie ricette che i sembrano interessanti. In questo week end ne ho realizzate 3 (con qualche variante personale).

Questa e' la seconda. Ho usaato la polenta taragna anziche' quella di mais perche' avevo in casa solo quella... Ma penso che non ci stia male, anzi. E' comunque possibile usare la polenta di mais normale, che e' anche quella usata nella ricetta originale.

 

Ingredienti per 2 persone:

100 g di farina per polenta taragna
200 g di verza nettata e tagliata a listarelle
1 cipolla
50 g di grana padano grattugiato
100 g di crescenza
60 g di speck
20 g di burro
Olio evo
Timo
Sale
Pepe 

 

Mescolate la farina in 400 g di acqua e mezzo cucchiaio di sale grosso.
Portate sul fuoco (basso) e cuocete per circa 30 minuti, mescolando.

 

Fate appassire la cipolla affettata e nettata con 2 cucchiai di olio evo, un pizzico di sale e 1 cucchiaio di acqua.

Aggiungete la verza e fate cuocere per circa 30 minuti, con la padella coperta, aggiungendo poca acqua se dovesse asciugare troppo.

Amalgamate alla verza la polenta con i formaggi e il burro.

Stendete la preparazione su carta da cucina ad uno spessore di circa 2 cm e lasciate raffreddare.

Con un coppapasta ricavate gli gnocchi, che metterete, leggermente accavallati, in una pirofila unta.

Spolverizzateli di parmigiano e filetti di speck.

Infornate a 180 gradi per circa 30 minuti, finche' la superficie non inizia a gratinare e servite.

Gnocchi di polenta taragna "Molino Filippini" con verza e speck
Gnocchi di polenta taragna "Molino Filippini" con verza e speck
Gnocchi di polenta taragna "Molino Filippini" con verza e speck
Gnocchi di polenta taragna "Molino Filippini" con verza e speck
Gnocchi di polenta taragna "Molino Filippini" con verza e speck

Condividi post

Repost 0
6 novembre 2016 7 06 /11 /novembre /2016 03:29

 

Il numero di novembre della rivista di Esselunga "Da Noi" ha parecchie ricette che i sembrano interessanti. In questo week end ne ho realizzate 3 (con qualche variante personale).

Questa e' la prima.

 

Ingredienti per 4 persone

Per la pasta brisee di farina integrale:
300 g di farina integrale "Garofalo"
1 uovo
100 g di burro
100 g di acqua
2 pizziconi di sale

 

Per il "ripieno":
300 g di verza, che pulirete e taglierete a listarelle
1 porro
2 uova
100 g di toma piemontese
75 g di panna da cucina
Sale
Pepe

 

Frullate (o impastate con le mani) gli ingredienti per la pasta brisee. Una volta ottenuta una "palla" di pasta, avvolgetela in un panno infarinato che lascerete in frigorifero mentre preparate il ripieno del tortino.

 

Sbollentate la verza in acqua bollente salata per 6 minuti. Quindi scolatela bene.

Fate rosolare 80 g di pancetta a dadini in modo da sciogliere il grasso, quindi scolateli eliminando il grasso sciolto.

Fate appassire il porro nettato e tagliato a rondelle in 2 cuchiai di olio, un pizzico di sale e 2 cucchiai di acqua. Quindi aggiungete la pancetta e la verza. Amalgamate per qualche minuto e regolate di sale e pepe.

 

Stendete la pasta con il mattarello su un ripiano coperto di carta forno fino ad ottenere una sfoglia di 0.7 mm di spessore circa. Senza eliminare la carta forno, foderate una tortiera da 20 - 22 cm di diametro con il bordo piuttosto alto. Bucherellate il fondo con una forchetta.

 

Frullate le uova con la panna, sale e pepe. Quindi aggiungete il formaggio a piccoli dadini. Incorporate il tutto nella preparazione di verza e pancetta, e con questa farcia riempite il tortino.

Ripiegate un poco verso l'interno i bordi di pasta brisee.

Infornate a 180 gradi per 30 minuti circa e servite.

Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta
Tortino di pasta brisee con farina integrale Garofalo ripirno di verza, porri e pancetta

Condividi post

Repost 0
4 novembre 2016 5 04 /11 /novembre /2016 04:19

 

Di questa marca di pizza avevo gia' parlato altre volte, per altri tipi di pizza:

http://petardo.over-blog.it/2015/08/pizza-surgelata-la-verace-napoletana-di-italpizza-esselunga.html

http://petardo.over-blog.it/2015/10/la-verace-parmigiana-pizza-surgelata-di-italpizza-in-vendita-da-esselunga.html

http://petardo.over-blog.it/2015/12/pizza-surgelata-la-verace-bufala-e-pomodorini-di-italpizza-da-esselunga.html

E' noto (e confermo) che secondo me Italpizza fa le migliori pizze surgelate attualmente presenti sul mercato. Sono distribuite da Esselunga.

Questa volta, in offerta speciale a 2.5 euro circa (si', costano un po' di piu' delle altre anche se in sconto) c'era quella con melanzane, cipolle e formaggio (grana).

La presenza della melanzana era un po' rischiosa, ma ho voluto provare, e il risultato e' stato assolutamente positivo.

Per la cottura bastano 8 - 10 minuti in forno a 220 gradi (non ventilato, direi, per evitare di farla asciugare troppo).

Il sapore della melanzana (presente in pezzi un po' troppo grandi, e che quindi ho provveduto a tagliare ulteriormente, una volta nel piatto) e' gradevolmente dolcino e ben si abbina con il resto.

 

Voto: 8/9

Pizza farcita con melanzane cipolle e formaggio "La Verace napoletana" di Italpizza (da Esselunga)
Pizza farcita con melanzane cipolle e formaggio "La Verace napoletana" di Italpizza (da Esselunga)
Pizza farcita con melanzane cipolle e formaggio "La Verace napoletana" di Italpizza (da Esselunga)

Condividi post

Repost 0
15 ottobre 2016 6 15 /10 /ottobre /2016 05:22

 

Con i primi freddi, la polenta torna "di moda", qui in una inedita accoppiata con le verdure, piatto ispirato da un paio di ricette presenti sulla rivista "Altri Stili" di ottobre (Esselunga).

 

Ingredienti per 2 persone

35 g di polenta taragna
100 g di polenta gialla
Un cubetto di spinaci surgelati
Formaggio Asiago.
Verdure miste (carote, broccoletti, cavolfiore, sedano)
Sale
Olio evo
Timo

 

Pulite e sciacquate le verdure, dopo averle tagliate a ciuffi o tocchetti, e mettetele in una padella con 4 cucchiai di olio evo.

Fate brasare, a fuoco coperto, salando giustamente.

A meta' cottura aggiungete del timo.

 

Frullate il cubetto di spinaci assieme a 250 g di acqua e un cucchiaino di sale. Gli spinaci dovranno prima essere stati passati al microonde per 2 minuti alla potenza massima.

 

In un pentolino antiaderentemettete 280 g di acqua, 35 g di polenta taragna e 30 g di polenta gialla assieme a un cucchiaino di sale. Portate all'ebollizione e cuocete, mescolando spesso, per 30 minuti.

 

In un altro pentolino antiaderente mettete l'acqua con gli spinaci e 70 g di polenta gialla. Mescolate e mettete sul fuoco per circa 20 minuti.

 

Alla fine mantecate le polente con grana, burro e abbondante formaggio Asiago.

 

Servite assieme alle verdure in piatti individuali riscaldati.

Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella
Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella
Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella
Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella
Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella
Polenta taragna e agli spinaci concia (con Asiago) e verdure saltate in padella

Condividi post

Repost 0

Pagine