Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

  • : Il Blog di Petardo
  • Il Blog di Petardo
  • : Cinema, fai da te, cucina e altro
  • Contatti

Testo Libero

18 agosto 2017 5 18 /08 /agosto /2017 04:34

 

Dalla stradina sterrata posta alla destra del torrente Anza, con le spalle rivolte al monte Rosa, all'altezza della frazione Opaco di Macugnaga si trova l'indicazione per il Lago Secco e Buord.

30 minuti circa di salita piuttosto ripida attraverso un sentiero segnalato in un ombroso bosco di conifere porta alla misteriosa zona caratterizzata da alti e dritti pini dove il sentiero gira a destra e diventa quasi pianeggiante.

Siamo a circa 1530 metri.

Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"

Qui, qua e la' si vedono pietroni e massi disposti in modo quasi ordinato che evidenziano certamente siano state messe li' dall'opera dell'uomo.

Siamo infatti nella zona chiamata del Buord (o Bord) che anticamente era un villaggio abitato dalle popolazioni Walser. Per alcuni si tratta del primo insediamento in zona, risalente al dodicesimo secolo.

 

Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"
Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"
Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"
Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"

Proseguendo per il sentiero si incontra prima una recente croce, quindi, quando la vegetazione cambia un po' aspetto e il sottobosco si fa piu' verde, si incontra la zona del Lago Secco vero e proprio che, sorprendentemente, oggi non era affatto secco, come l'ultima immagine evidenzia.

Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"
Macugnaga, localita' "Lago Secco" - "Buord"

Condividi post

Repost 0
Published by petardo - in Turismo
scrivi un commento

commenti

Pagine